Seleziona una pagina

Il whisky nacque in Irlanda e la sua produzione si diffuse rapidamente in Scozia, è un distillato di cereali invecchiato in botti di legno. I pionieri nella distillazione e formalizzazione del processo di elaborazione furono i monaci, da loro passati ai contadini che installarono innumerevoli alambicchi fatti in casa. Attualmente il whisky è il più prezioso nel mercato degli alcolici, oltre ad essere di grande qualità, gli inglesi lo hanno diffuso in tutto il mondo con il loro arrivo in Canada e negli Stati Uniti proliferano numeroso distillerie. Esistono diverse tipologie di whisky tra cui:

-Whisky Irlandese: Il risultato dopo essere invecchiato in botti di sherry, è un whisky molto fine, equilibrato, luminoso e di grande nitidezza. 

-Scotch whisky: E’ il più famoso e ha una grande varietà di D.O, tutti con una personalità ben differenziata. 

-Bourbon: fu l’ultimo ad apparire, essendo solo un’evoluzione dei whisky esistenti . Fatto anche di mais e affinato in botti nuove e bruciate, ma con un particolare processo di elaborazione che ha portato ad un whisky più delicato, aromatico e dolce .

Inoltre il whisky è uno dei distillati più richiesti nei cocktail bar, nelle sue diverse tipologie è il supporto di base fi grandi cocktail come Manhattan, Whisky sour, Mint julep, Old fashioned o il sempre accogliente Irish coffee.